La socera

Dopo ave' trovato l'anima tua gemella

c'è sempre 'na socera

che nun sai come pialla,

cercanno de nun contraddilla

guai se te permetti de stuzzicalla

rischi co l'amore tuo de piantalla.

 

Socera! Un nome che te 'mparentela

a 'na donna che nun è mai contenta,

appena te presenti de primo acchitto

te sa trova' er difetto,

brutto o bello che esso sia

lei te fa l'autopisia.

 

Pò esse la donna più bbona de sto monno

er nome che porta è sempre un danno,

è bona solo pe' l'urtimo dell'anno.

 

Ma se rispetti la persona amata

hai da rispettà ppuro chi l'ha creata.

 

 

Roma, 15 novembre 1979

 

Ringraziamo Danilo Meriano per la lettura ed il video

 

La socera
Ti piace questa poesia? Dammi un giudizio.

molto
abbastanza
poco
per nulla
non so



Guarda i risultati
Torna inziio pagina

 

Home Poesie Poeti Proverbi Ricette Foto Roma Amici Firme Dedica Contatti