La donna

     

Fin dai tempi d’Adamo ed Eva

l’omo sconta li peccati sua,

fu Eva a magnasse la mela

istigata dar serpente

c’annette de mezzo Adamo 

che nun c’entrava gnente.

 

Dio li scacciò dar paradiso

li puni’ pe’ ave’ disobbedito,

mannati sula tera

ricominciarono a pecca’

rimagnannose la mela,

e a forza de pecca’

de peccatori ce ne so' in quantita’

 

De donne ce ne so' in abbondanza

l’omo e’sempre in minoranza,

ha da  subbi’ dalla donna la prepotenza 

der fascino che c'ha in esubberanza

e fin dal’eta’piu’bella

soffre pe’ l’anima sua gemella.

 

Sarà pe’ quer favore che Adamo fece

quanno la costola Dio je se prese

pensanno de creaje‘na compagna

nun capì che je creava ‘na tiranna

quella costola je starà un po’stretta

se sfoga a facce li dispetti poveretta.

 

Ma l’omo che sempre l'ha rispettata

ja concesso pure la parita’

rimanenno lui disoccupato

e lei annanno a lavora’.

Adesso co’ sta parita’

all’omo je manca solo la maternita’.

            

                  Roma, 27 ottobre 1978

Ringraziamo Danilo Meriano per la lettura ed il video

poesia: La donna

Ti piace questa poesia? Dammi un giudizio.

Molto
Abbastanza
Poco
Per nulla
Non so

Guarda i risultati

Torna inziio pagina

 

Home Poesie Poeti Proverbi Ricette Foto Roma Amici Firme Dedica Contatti