Gioachino Belli la creazzione der monno
Carlo Pascarella er giorno der giudizio
Trilussa er companatico der paradiso
  er duello de Davide
  la madre de le sante
  S.P.Q.R.
  li quadrini pubbrichi
   
   
   

Puoi scegliere una poesia a piacimento oppure scorrerle tutte. Quando vuoi tornare all'indice premi la linea a fine di ogni poesia.

La Creazzione der monno

L'anno che Gesucristo impastò er monno,
Ché pe impastallo già c'era la pasta,
Verde lo vorze fà, grosso e ritonno,
All'uso d'un cocommero de tasta.

Fece un zole, una luna e un mappamonno,
Ma de le stelle poi dì una catasta:
Su ucelli, bestie immezzo, e pesci in fonno:
Piantò le piante, e doppo disse: "Abbasta".

Me scordavo de dì che creò l'omo,
E coll'omo la donna, Adamo e Eva;
E je proibbì de nun toccaje un pomo.

Ma appena che a maggnà l'ebbe viduti,
Strillò per dio con quanta voce aveva:
"Ommini da vienì, sete futtuti"

Terni, 4 ottobre 1831

Torna in cima

Er giorno der giudizzio

Quattro angioloni co le tromme in bocca
Se metteranno uno pe cantone
A ssonà: poi co ttanto de vocione
Cominceranno a dì: "Fora a chi ttocca".

Allora vierà su una filastrocca
De schertri da la terra a ppecorone,
Pe ripijà ffigura de perzone
Come purcini attorno de la biocca.

E sta biocca sarà Dio benedetto,
Che ne farà du' parte, bianca, e nera:
Una pe annà in cantina, una sur tetto.

All'urtimo uscirà 'na sonajera
D'angioli, e, come si ss'annassi a letto,
Smorzeranno li lumi, e bona sera.


Roma, 25 novembre 1831

Torna in cima

Er Companatico der Paradiso

Dio doppo avé creato in pochi giorni
Quello che c'è de bello e c'é de brutto,
In paradiso o in de li su' contorni
Creò un rampino e ciattaccò un presciutto.

E disse: "Quella femmina che in tutto
Er tempo che campò nun messe corni,
N'abbi una fetta, acciò non magni asciutto
Er pandecèlo de li nostri forni".

Morze Eva, morze Lia, morze Ribbecca,
Fino inzomma a ttu' moje a man'a mano,
Morzeno tutte, e ppijele a l'inzecca.

E ttutte quante cor cortello in mano
Quando furno a ttajà feceno cecca:
Sò sseimil'anni, e quer presciutto è sano.

Roma, 26 gennaio 1832

Torna in cima

Er duello de Davide

Cos'è er braccio de Dio! mannà un fischietto
Contr'a quer buggiarone de Golìa,
Che si n'avessi avuto fantasia
Lo poteva ammazzà cor un fichetto!

Eppuro, accusì è. Dio benedetto
Vorze mostrà ppe tutta la Giudia,
Che chi è divoto de Gesù e Maria
Po' stà cor un gigante appett'appetto.

Ar vede un pastorello co la fionna,
Strillò Golìa, sartanno in piede: "Oh cazzo!
Stavorta, fijo mio, l'hai fatta tonna".

Ma er fatto annò ch'er povero regazzo,
Grazzie all'anime sante e a la Madonna,
Lo fece cascà giù come un pupazzo.

Roma, 9 gennaio 1833

Torna in cima

La madre de le sante.

Chi vò chiede la monna a Caterina,

Pe fasse intenne da la gente dotta

Je toccherebbe a dì vurva, vaccina,

E dà giù co la cunna e co la potta.

Ma noantri fijacci de miggnottta

Dimo cella, patacca, passerina,

Fessa, spacco, fissura, bucia, grotta,

Fregna, fica, ciavatta, chitarrina,

Sorca, vaschetta, fodero, frittella,

Cicia, sporta, perucca, varpelosa,

Chiavica, gattarola, finestrella,

Fischiarola, quer-fatto, quela-cosa,

Urinale, fracoscio, ciumachella,

La-gabbia-der-pipino, e la-brodosa,

E ssi voi la cimosa,

Chi la chiama la vergogna, e chi natura,

Chi ciufeca, tajola, e ssepportura.

 

Roma, 6 dicembre 1832

Torna in cima

S.P.Q.R.

Quell'esse, pe, cu, erre, inarberate

Sur portone de guasi oggni palazzo,

Quelle sò quattro lettere der cazzo,

Che nun vonno dì gnente, compitate.

M'aricordo però che da ragazzo,

Quanno leggevo a fforza de fustate,

Me le trovavo, sempre appiccicate

Drent'in dell'abbeccé ttutte in un mazzo.

Un giorno arfine me te venne l'estro

De dimannanne un po' la spiegazzione

A don Furgenzio ch'era er mi' maestro.

Ecco che m'arispose don Furgenzio:

"Ste lettre vonno dì, sor zomarone,

Soli preti qui reggneno: e ssilenzio".

 

Roma, 4 maggio 1833

Torna in cima

Li quadrini pubbrichi.

Già sse sa, pe noi poveri affamati

A sta macchia che qua nun ce se penza:

E chi aricurre a la Bonificenza

Sempre se sente a dì: "Sò tterminati".

Vedo intanto però ttutti li frati,

C'ortre la loro brava possidenza,

Pe inzeppà la cantina e la dispenza

Hanno sempre bon'ordini pagati.

Dice: "Quest'è un compenzo de quer tanto

Che quanno se levorno li conventi

Monzù Jannette je venne a l'incanto".

E accussì mentre er zecolaro abbozza,

Er fraticello, co li su' fetenti

Voti de povertà, marcia in carrozza.

 

20 gennaio 1834


Torna in cima

 

Home Poesie Poeti Proverbi Ricette Foto Roma Amici Firme Dedica Contatti