Er monno l'aregge Iddio, ma la croce la porto io.

Nun c'è trippa per gatti. L'origine di questo detto si fa risalire a quando Ernesto Nathan, sindaco di Roma dal 1907 al 1913, cancellò dalle spese del comune la fornitura di trippa per i gatti del campidoglio che avevano il compito di liberare i sotterranei dai topi.

Morto un Papa se ne fa' 'n'antro.

Li medici so' pagati pe' facce morì ammazzati.

Quann'è nuvolo verso San Pietro, pija er sacco e torna indietro.

Pregamo er Padreterno ch'estate sii d'estate, e inverno sii d'inverno.

De marzo cresci panni, d'aprile nun t'alleggerì, de maggio fa come te pare.

Fra Modesto non fu mai Priore.

Er diavolo, quann'è vecchio se fa romito.

Anni e bicchieri de vino nun se conteno mai.

Chi s'inchina troppo mette in mostra er culo.

Chi ce l'ha d'oro, chi ce l'ha d'argento, e a chi je ce danno li carci drento.

Boni l'amichi, boni li parenti, ma povera la casa che nun cià gnente.

Chi lavora fa la gobba, chi nun lavora fa la robba!

 Nun è villano chi a la villa nasce, ma è villano chi de villania se pasce.

Mejo dolor de borsa che dolor de core.

 Fino che ciavemo semo vorzuti, ma quanno nun ciavemo più semo cacciati.

Amore, tosse e rogna nun s'annisconneno.

 Cià er male der pisano, l'ossa rotta e er becco sano.

A cane vecchio la vorpe je piscia addosso.

Omo incazzito è un merlo ar vischio, la donna è un cacciator de schioppo e rete, che va a caccià cojoni senza fischio!

Chi non suda da giovine, diggiuna da vecchio.

 

 

Home Poesie Poeti Proverbi Ricette Foto Roma Amici Firme Dedica Contatti